3. las propiedades trascendentales del ente inroducción I. Colocación entre los temas de síntesis



Descargar 56.99 Kb.
Fecha de conversión26.03.2018
Tamaño56.99 Kb.
Vistas37
Descargas0
Catálogo: download -> version
version -> Comprender aquello que se entiende por Psicología no resulta una tarea fácil, lo anterior, debido a que se trata de una disciplina dentro de la cual existen varias ramas que la abordan de diferentes maneras
version -> Psicología del aprendizaje
version -> La Psicoterapia indice
version -> Jose Ortega y Gasset La Rebelión de las Masas
version -> Glosario de nuve de palabras
version -> José Luis Zeferino Catzalco León
version -> Universidad de montemorelos
version -> Citas a pie de página
version -> María Camila Daza Leguizamón

¡Venga tu Reino!

Síntesis de licencia, 2013.

H. Roberto Núñez, L.C.



3. LAS PROPIEDADES TRASCENDENTALES DEL ENTE

INRODUCCIÓN
I. COLOCACIÓN ENTRE LOS TEMAS DE SÍNTESIS
En su recorrido filosófico, el hombre, tras percatarse de que las cosas son, se da cuenta que tienen unas cualidades fijas por el mismo hecho de ser. Por eso este tema se colocaría inmediatamente después de la pregunta sobre el ente en cuanto ente.

II. PROBLEMÁTICA PARTICULAR DEL TEMA
Nuestro tema se pregunta por las características de todo ente; ¿qué cualidades tienen todos los seres por el mismo hecho de ser?

III. JUSTIFICACIÓN DE ESQUEMA
Siendo unas características más evidentes que otras, es comprensible que en la historia haya habido diversas enumeraciones. Yo considero 7 principales, a la luz de la metafísica tomista: ens, res, unum, aliquid, verum, bonum, y pulchrum. Siguiendo el ejemplo de J.A. Aertsen1, mi desarrollo se centra en el análisis del De Veritate q.1. a.1, que me servirá para hacer la fundación y descripción de cada trascendental2. Al final refiero un recorrido histórico de la evolución de dichos conceptos.

PARTE SISTEMÁTICA: EXPLICACIÓN DE LOS TRASCENDENTALES


  1. ANÁLISIS DEL De Veritate q.1 a.1.

  1. Empieza diciendo que todo lo que concebimos es ente (como dice Acicena)

    1. En consecuencia todo concepto se forma como algo que se añade a ente

    2. Pero nada se añade a ente que no sea ente, por eso el ente no pude ser un género

    3. Pero se puede decir que algunos términos se añaden a ente en el sentido que expresa un modo del ente que no se expresa en el mismo término ente.

      1. Categorías (modus specialis entis): expresan diverso grados de entidad, y a través de ellos obtenemos los diversos géneros de las cosas. (Ejemplo: la substancia, que no añade al ente algún contenido sino que exprime un modo especial, o sea, el ser por sí).

      2. Trascendetales (modus generalis entis):

        1. In se: consecuente a todo ente considerado en sí

        2. Ad aliud: consecuente a un ente considerado en su relación con otro.

  2. El modo general considerado in se expresa algo del ente afirmativa o negativamente

    1. Afirmativamente no se puede conocer en todo ente excepto su esencia, por la que se dice que una cosa es, y le viene atribuido el nombre de RES, que hace hincapié en la esencia, distinta de la palabra “ser” porque ésta deriva del “acto de ser”.

    2. Negativamente expresa la ausencia de división (UNUM).

  3. El modo general considerado “en relación con otro” puede ser considerado de dos formas.

    1. La división de un ente con respecto a otro (ALIQUID).

    2. El acuerdo de un ente con otro, pero no es posible sin une ente que por naturaleza tienda a estar de acuerdo con otros seres (quodammodo omnia) y este es el ala, que tiene facultad cognoscitiva y apetitiva.

      1. Acuerdo del ente con la apetitividad (BONUM); “quod omnia appetunt”.

      2. Acuerdo del ente con la inteligencia (VERUM); iteligible

  4. Definiciones sintéticas de los trascendentales (esto ya es personal, no del De Veritate)

    1. Ens: id quod est.

    2. Res: exprimit quidditatem vel essentiam entis.

    3. Aliquid: in quantum est ab aliis divisum.

    4. Unum: indivisum in se.

    5. Bonum: bonum est quod omnia appetunt.

    6. Verum: Convenientiam entis ad intellectum.

      1. illud quod praecedit rationem veritatis: verum est id quod est.

      2. secundum id in quo formaliter ratio veri perficitur: adaequatio rei et intellectus.

      3. secundum effectum consequentem: verum est declarativum et manifestativum esse.

    7. Pulchrum: pulchra dicuntur quae visa placent.

  1. De Veritate q.21 a.1.

  1. Explica los modos de agregar de ente. Hay tres tipos:

    1. Exterior (accidente). Ejemplo: la negrura de la mano (agrega algo fuera de la esencia)

    2. Limitación (categorías). Ejemplo: la ceguera (determina el tipo dente, agrega una determinación)

    3. De razón (trascendentales) Ejemplo: los trascendentales (agrega algo de razón)

  1. CARACTERÍSTICAS DE UN TRASCENDENTAL

  1. Additio: Todo trascendetal agrega algo de razón (Vgr. Verum añade lo inteligible).

  2. Conversio: “Convertuntur” en cuanto todo lo que “es”, es bueno, es uno, es otro, etc., y viceversa. Todo trascendental tiene la misma extensión que ente.

  3. Cosecutio: Es el orden en que la mente capta los trascendentales.

  1. ACERCAMIENTOS

  1. Lógico:

    1. universale materialmente considerato: massima universalità

    2. proprio”

    3. Convertibile, consecutivo, aggiunto

    4. Limiti di “proprio” per i trascendentali (non è un accidente reale, ma una aggiunta di ragione)

    5. Ens non est genus: niente reale si può aggiungere

  2. Epistemologico:

    1. la scienza è fondata sui primi principi

    2. I primi principi si fondano sulle prime nozioni

  3. Semantico:

    1. Cosa possiamo dire dell’ens commune?

    2. nomi che esprimono l’ente in quanto ente per aggiunta di ragione

    3. Nomi che suppongono (suppositio) lo stesso ma significano (significatio) diversamente:

    4. Convertibili secondo l’identica suppositio (estensione)

    5. Non sinonimi: significano diversamente

  4. Storico

    1. 3 tappe dei trascendentali:

      1. Grecia: in nuce; diversa “sensibilità” nell’approccio all’ente

      2. Medioevo: Tommaso in cima, grande e originale sintesi di fonti e approcci

      3. Kant: nuova interpretazione

    2. 3ª tappa (navigazione) metafisica (I, q. 44 a 2): “aliqui erexerunt se ad considerandum ens inquantum est ens, et consideraverunt causam rerum, non solum secundum quod sunt haec vel talia, sed secundum quod sunt entia”.

    3. Principali fonti tomiste dei trascendentali

      1. Corpus Aristotelicum

      2. Filosofia araba: Avicenna

      3. Boezio: De Ebdomadibus

      4. Dionigi: De divinis nominibus

    4. Origine dei singoli trascendentali

      1. Neoplatonica: unum, verum, bonum

      2. Nomina infinita (logica): unum, aliquid (come res), res

      3. Aristotele: il diversum, recepito come aliud

    5. Interpretazione kantiana (KRV B 114)

  5. Teologico (veda No. 8)


3. Il trascendentale unum: descrizione e fondazione.
Nozione dell’unum:

Definizione: Unum est ens indivisum (san Tommaso)

- Unum: ens indivisum in se

- Aliquid: ens divisum ab alio
Divisione d’unum:

Trascendentale:

- Unum per semplicità (senza parti)

- Unum per composizione (di parti)

- Per se o sostanzaile (unum esse): come corpo composto di materia e forma

- Per accidens (diverse “essenze”)

- Unite estrinsecamente (c.efficiente o finale): agregazione, ordine

- Unite intrinsecamente: come sostanza e accidente, o accidente e accidente

Non trascendentale:

- Di ragione (per astrazione): generica o especifica

- Reale (in rerum natura)

- Formalis (generica o especifica)

- Materialis (numerica): substantialis o accidentalis
Una nozione acolita di unum è la divisione (unum importat privationem divisionis formalis). Si capisce come distribuzione di un tutto nelle sue parti. Nel caso dell’unum si parla di una divisione formale, quindi un riferimento a una negazione intriseca, che non si trova nell’ente, come uno.
Altra è la semplicità, definita come quod non est compostium ex partibus. Anche la distinzione, definita come negatio identitatis inter plura; diversità come molteplicità nell’essenza; differenza come diversità tra cose che convengono in qualcosa che è esenziale. Allo stesso tempo ci sono le nozioni di identico (l’uno nella sostanza), simile (l’uno secondo la qualità) o uguale (l’uno nella quantità) come nozioni affine all’unum.
Si deve staccare che unum non è una privazione (che è un modo di negazione: quella che si da in un soggetto) ma si dice per modum privationis: perchè di un soggetto (ente) si nega qualcosa (la divisione). Neanche è unicità, come lo a preso Parmenide.

Trascendentalità

Argomento di I, q.  11 a.  1 “in forma”:

“Ogni essere è semplice o composto. Se è semplice, è evidentemente uno, perché la semplicità è questa forma superiore d'unità che esclude non soltanto la divisione attuale, ma la divisione potenziale, cioè la divisibilità. Se è composto, esiste solo perché le parti sono attualmente unite fra loro; non appena si separano, cessa di essere, nella sua propria realtà”.(De Finance, 29.1)
Analogia

- Ens et unum convertuntur.  Esiste una corrispondenza perfetta fra i gradi dell'essere e i gradi dell'uno (DF 30):

- I.  Sostanza / accidenti

- Uno in senso pieno: ciò che possiede un esse proprio: il soggetto individuale concreto

- L’accidente è uno per partecipazione all’soggetto

- II Gradi dell’essere/unità

- Minerali... vegetali... animali inferiori... superiori...

- L’uomo: capacità di raccoglimento, interiorità e unità storica

- Spirito separato

- Il Semplice _ L’infinito
Unum et esse

- Unum non è sostanza

- Unum non è accidente: «unum quod convertitur cum ente, non addit aliquam rem supra ens»: I, q.11 a.1 ad1

- Unum non è principio del numero (cat. quantità):

- «Haec autem ratio mensurae consequitur rationem indivisionis [...]. Et ideo unum non omnino aequivoce dicitur de eo quod convertitur cum ente, et de eo quod est principium numeri; sed secundum prius et posterius» (In V Metaph., lc 8, n. 10)

- Unum trascendentale si predica di Dio:

- “In divinis non praedicantur unum et multa quae pertinent ad genus quantitatis, sed unum quod convertitur cum ente, et multitudo ei correspondens. Unde unum et multa ponunt quidem in divinis ea de quibus dicuntur; sed non superaddunt nisi distinctionem et indistinctionem, quod est superaddere negationes» (De Potentia q. 9, a. 7)

- Esse: principio di unità, individualità, communione

- L’atto di essere (l’esse) fonda

- L’unità dell ente come indiviso (coerenza_consistenza interna): l’ente tende a unificarsi

- La comunità o comunanza più ampia (l’esse commune); l’ente tende a unirsi agli altri ad integrarsi nell’unità (como aliquid) del tutto.

- L’unità della persona:

- Coerenza e conquista della semplicità

- Comunione: apertura a qualcosa più grande di sè
- “La tesi dell'unità dell'ente (che comprende la  consistenza e l'identità) attira l'attenzione sul carattere quasi dinamico dell'esse mediante il quale l'essere "aderisce" a se stesso e resiste alle forze di dissoluzione.”

- “unumquodque intantum est, inquantum unum est, unde videmus quod res repugnant suae divisioni quantum possunt, et quod dissolutio uniuscuiusque rei provenit ex defectu illius rei. Et ideo id ad quod tendit intentio multitudinem gubernantis, est unitas sive pax” (I, q.103, a. 3).

4. Il trascendentale verum: descrizione e fondazione.
Divisione

Tre sono le livelli del vero che Tommaso spiega nelle diverse opere, ma principalmente nella QD de veritate q1, a1.


Verum rei: verità ontologica: conformità all’idea; intelligibilità

Verum in intellectu: verità del giudizio o verità logica

Verum in verbisverum morale: veracità; l’essere veritiero nel parlare (senso ampio: gesti). 

- Essere verace = voler dire la verità dire la verità

- «La veracidad no sólo no es la verdad, sino que tampoco consiste en comunicarla, [...] no deja de ser veraz quien manifiesta algo falso creyéndolo verdadero, mientras que falta a la veracidad quien expresa algo verdadero, pero estando en la creencia de que es falso [...] También es veraz quien manifiesta en calidad de cierto lo que él tiene por cierto y quien expone en calidad de dudoso lo que él juzga dudoso. [...] engaña quien expresa como algo cierto lo que él juzga dudoso» (A. Millán_Puelles, El interés por la verdad 293)



Formaliter ratio veri perficitur

adaequatio rei et intellectus




In intellectum

  • Intellectum divinum

  • Intellectum hominis: compositione/divisione, definitione

Verum fundatur/

id quod praecedit rationem veritatis

id quod est

In rebus

  • in relationem ad intellectum divinum/exempl. divinum

  • imitatio

  • enlace causal, participatione, analogia

Effectum consequentem

declarativum/

manifestum esse



Relatio ad virtutem cognoscitivam

(In I sent. q1, 13)






Nozione

- Ratio veri: adaequatio (De Veritate q.  1 a.  1)

- “Convenientiam entis ad intellectum exprimit hoc nomen verum”

- “Prima ergo comparatio entis ad intellectum est ut ens intellectui concordet: quae quidem concordia adaequatio intellectus et rei dicitur; et in hoc formaliter ratio veri perficitur. Hoc est ergo quod addit verum super ens, scilicet conformitatem, sive adaequationem rei et intellectus; ad quam conformitatem, ut dictum est, sequitur cognitio rei”.
Ratio veritatis (adaequatio)  causa veritatis

- La causa della verità è l’esse della cosa

- Il concetto di verità dice adequazione

- “licet veritas intellectus nostri a re causetur, non tamen oportet quod in re per prius inveniatur ratio veritatis, sicut neque in medicina per prius invenitur ratio sanitatis quam in animali; virtus enim medicinae, non sanitas eius, causat sanitatem, cum non sit agens univocum. Et similiteresse rei, non veritas eius, causat veritatem intellectus. Unde Philosophus dicit quod opinio et oratio vera est ex eo quod res est, non ex eo quod res vera est.”  (I, q.  16 a.  3)
Fundazione del verum

“Dicendum quod verum est in rebus (V2) et in intellectu (V1). Verum autem quod est in rebus (V2), convertitur cum ente secundum substantiam (E1). Sed verum quod est in intellectu (V1), convertitur cum ente, ut manifestativum cum manifestato (E2). Hoc enim est de ratione veri, ut dictum est. Quamvis posset dici quod etiam ens est in rebus (E1) et in intellectu (E2), sicut et verum; licet verum principaliter in intellectu (V1), ens vero principaliter in rebus (E1). Et hoc accidit propter hoc, quod verum et ens differunt ratione.”  (I, q.  16 a 3 ad 1)
L’esse del giudizio dice la verità del giudizio, che è causata dalla verità della cosa

- “Esse et est (E2), significant compositionem propositionis, quam facit intellectus componens et dividens. Unde dicit, quod esse significat veritatem rei (V2). Vel sicut alia translatio melius habet quod esse significat quia aliquod dictum est verum. Unde veritas propositionis potest dici veritas rei per causam. Nam ex eo quod res est vel non est, oratio vera vel falsa Est. Cum enim dicimus aliquid esse, significamus propositionem esse veram. Et cum dicimus non esse, significamus non esse veram; et hoc sive in affirmando, sive in negando” (In V Metaph., lc9 n11).
Tesi: “verum habet ordinem ad cognitionem. Unumquodque autem inquantum habet de esse, intantum est cognoscibile” (I, q.  16 a.  3)
Trascendentalità

Obiezione: se la ratio veri dice relazione, la verità è categoriale (la relazione è una categoria) (1) ed è relativa (2)

- Risposta a 1: verum non è relazione; aggiunge a ente una relazione di ragione che è l’intelligibilità

- Rispota a 2: è vero che la verità è “relativa” nel senso che include rapporto a un intelletto (due modi di essere relativi):

- L’intelletto speculativo umano è realmente relativo alle cose; in queste (le cose) soltanto si da una relazione di ragione

- La cosa è relativa al inteletto prattico divino (idee divine) in una relazione di dipendenza che è reale nelle cose.
Josef Pieper:

"Sintetizzando, la dottrina della verità delle cose vuol dire quanto segue. Tutte le cose sono creativamente conosciute da Dio, e per questo sono conoscibili da parte dello spirito finito. Appartiene alla natura del reale di essere un possibile oggetto della conoscenza umana. Non c'è affatto una totale separazione tra la realtà oggettiva e l'intelletto umano; quando rivolgiamo il nostro sguardo al mondo delle cose esiste già, prima e precedentemente, un rapporto [...] In Tommaso c'è una frase che formula con una concisione tutta classica questo riferimento al reale: res naturalis inter duos intellectus constituta [est] (De veritate, q. 1, a. 2:» (J. Pieper, La verità delle cose, in «Studi Cattolici» 25 (1981), p 760..)

5. Il trascendentale bonum: descrizione e fondazione.
Divisione

1.  Appetibilità: “id quod omnia appetunt” (ratio boni)

- Non che tutti desiderano ogni bene; ma che tutto ciò che è desiderato ha ragione di bene

- “Cum dicitur bonum est quod omnia appetunt, non sic intelligitur quasi unumquodque bonum ab omnibus appetatur, sed quia quidquid appetitur, rationem boni habet.

2.  Perfettibilità: che può perfezionare un soggetto

3.  Perfezione: ciò che perfeziona un sog. (natura boni)

4.  Diffusione: “bonum est diffusivum sui”:

- Principio platonico che san Tommaso accetta riferito alla causa finale, non a quella efficiente
Nozione

Honestum:

I, q.5 a. 6: Honestum (morale)/ Utile / Delectabile (piacevole) Vale per il bene delle azione umane; ma per il bene ontologico?

- “haec divisio proprie videtur esse boni humani. Si tamen altius et communius rationem boni consideremus, invenitur haec divisio proprie competere bono, secundum quod bonum est. Nam bonum est aliquid, inquantum est appetibile, et terminus motus appetitus. Cuius quidem motus terminatio considerari potest ex consideratione motus corporis naturalis. Terminatur autem motus corporis naturalis, simpliciter quidem ad ultimumsecundum quid autem etiam ad medium [2] [...] Id autem quod est ultimus terminus motus, potest accipi dupliciter, vel ipsa res in quam tenditur [1]; vel quies in re illa [3].”
Simpliciter, secondum quid:

“licet bonum et ens sint idem secundum rem, quia tamen differunt secundum rationem, non eodem modo dicitur aliquid ens simpliciter (E1), et bonum simpliciter (B1).

- “unde per suum esse substantiale dicitur unumquodque ens simpliciter. Per actus autem superadditos, dicitur aliquid esse secundum quid”

- Sed bonum dicit rationem perfecti, quod est appetibile, et per consequens dicit rationem ultimi. Unde id quod est ultimo perfectum, dicitur bonum simpliciter [B1]. Quod autem non habet ultimam perfectionem quam debet habere, quamvis habeat aliquam perfectionem inquantum est actu, non tamen dicitur perfectum simpliciter, nec B1, sed secundum quid (B2). Sic ergo secundum primum esse, quod est substantiale, dicitur aliquid E1 et B2, idest inquantum est ens, secundum vero ultimum actum dicitur aliquid ens secundum quid [E2] et bonum simpliciter [B1]
Bontà ontologica accidentale e esenziale (Mondin 234)

- Esenziale: “appetibilità (ap) dell’ente da parte del IES”

- Accidentale: “ap dell’ente da parte della volontà umana o de qualche altro essere intelligente: è accidentale perché l’essere dell ente non dipende dalla nostra ap

- “... ignorano la distinzione tra BOA e BOE e sembrano ammetere soltanto la prima.  Nessuna meraviglia poi che le loro dimostrazioni che la bontà è un trascedentale siano cavillose.  È naturale che così sia , perchè pretendono di provare la trascendentalità di una relazione trascendentale!”

- “Quod autem dicitur, nemo bonus nisi solus Deus, intelligitur de bono per essentiam [ per partecipazione]” (I q.6 a.2 ad 2)
Perfectivum

- “qualcosa o qualcuno è buono”: spesso l'attenzione non va all'appetibilità come tale ma alla perfezione che la fonda (la natura boni).  Ma c’è sottinteso un rapporto alla tendenza: la nozione di perfezione non sembra intelligibile senza di esso.

- L'oggetto del desiderio è ciò che manca al soggetto per realizzare un determinato tutto che aspira ad essere:

- Implicite nella nozione di desiderio stano: privazione e perfezione.

- Esplicitamente desideriamo innanzitutto non già lo stato_in_cui_non_c'è_più_privazione, ma ciò che promette di colmare la privazione.

- Da questo punto di vista, più psicologico, il bene verrà detto in primo luogo, non già del perfectum o della perfectio, ma del perfectivum, come nel De Veritate.

- Bonum non perfeziona come verum (perfettività esistenziale)

- L’ente, in quanto vero, perfeziona il soggetto mediante la sua idea che è la presenza interiore della sua essenza

- La perfettività esistenziale del bonum (esempio) l'amato beatifica l'amante mediante la sua propria e sola presenza_esistenza.
Fondazione

- 1º Ratio boni è la appetibilità

- 2º L’appetibile (il bonum) è il perfetto, perché ogni cosa desidera la sua perfezione

- (implicito) Ciò che è appetito (desiderato) deve essere perfectivum, per una sua perfezione (perfectum): è bene partecipare a questa.

- 3º Ogni cosa è perfetta in quanto è in atto: ogni cosa è buona nella misura che è ente (l’esse infatti è l’atto de ogni cosa)

- “ [1] Ratio enim boni in hoc consistit, quod aliquid sit appetibile, [...] bonum est quod omnia appetunt. [2] Manifestum est autem quod unumquodque est appetibile secundum quod est perfectum, nam omnia appetunt suam perfectionem. [3] Intantum est autem perfectum unumquodque, inquantum est actu, unde manifestum est quod intantum est aliquid bonum, inquantum est ens, esse enim est actualitas omnis rei” (I, q.  5 a.  1)

-  (Implicito): Il bonum (desiderato) fa buono a chi lo desidera: il bonum si diffonde come causa finale

 - 4º Niente è in atto se non per l’atto primo del ente che è l’esse (inter omnia perfectissimum):

- “hoc quod dico esse est inter omnia perfectissimum: quod ex hoc patet quia actus est semper perfectio potentia. [...] hoc quod dico esse est actualitas omnium actuum, et propter hoc est perfectio omnium perfectionum” (De Poten. q.7 a.2 ad 9)

- 5º L’esse stesso ha ragione di bene,

- perche è atto =perfezione:

- “Ipsum igitur esse habet rationem boni. Unde sicut impossibile est quod sit aliquid ens quod non habeat esse, ita necesse est ut omne ens sit bonum ex hoc ipso quod esse habet; quamvis etiam et in quibusdam entibus multae aliae rationes bonitatis superaddantur supra suum esse quo subsistunt.Cum autem bonum rationem entis includat, ut ex praedictis patet, impossibile est aliquid esse bonum quod non sit ens; et ita relinquitur quod bonum et ens convertantur” (De Veritate q.  21 a.  2).
Malum

Due modi si considerare il male:

- Materialiter: il soggetto (ens privato) = il male che vediamo

- Formaliter: forma negata

 

- Argomenti di Tommaso per “malum non est aliquid in rebus”

- 1º malum, secundum quod est malum, non est aliquid in rebus, sed est alicuius particularis boni privatio, alicui particulari bono inhaerens.[= è privazione]

- 2º quidquid est in rebus, habet aliquam inclinationem, et appetitum alicuius sibi convenientis.

- (+) Quod autem habet rationem appetibilis, habet rationem boni. Quidquid ergo est in rebus habet convenientiam cum aliquo bono.

- (_) Malum autem, in quantum huiusmodi, non convenit cum bono, sed opponitur ei. Malum ergo non est aliquid in rebus.

- (Per assurdo) Sed si malum esset aliqua res, nihil appeteret, nec ab aliquo appeteretur; et per consequens non haberet aliquam actionem nec aliquem motum, quia nihil agit vel movetur nisi propter appetitum finis.

- 3º Oportet ergo quod malum, quod universaliter opponitur bono, opponatur etiam ei quod est esse. Quod autem est oppositum ei quod est esse, non potest esse aliquid.  (De malo 1,1)
División

I. In genere

- Per se (per la privazione di perfezione)

- Per accidens (il soggetto che soffre o fa il male)

II.  Negli esseri razionali (per opposizione a bonum che è perfezione di due tipi: forma o operazione) (DM,1,4)

- Fisico: privazione di perfezione (vel forma, vel habitu, vel quocumque quod necessarium sit ad operandum) debita:

- Morale: priva di ordine debito_morale a una azione (malum est in ipso actu deficiente)

- “Culpa est malum ipsius actionis, poena autem est malum agentis. Sed haec duo mala aliter ordinantur in naturalibus et voluntariis; nam in naturalibus ex malo agentis sequitur malum actionis, sicut ex tibia curva sequitur claudicatio; in voluntariis autem e converso, ex malo actionis, quod est culpa, sequitur malum agentis, quod est poena” (De Malo I, q.  4)
Causa

Schema aristotelico delle 4 cause

- Materiale: il bene che fa di soggetto di privazione

- Formale: non ha (è privazione di forma: forma che non c’è)

- Finale: non ha:

- Non per sè: il male non si comporta come fine

- In quanto privazione di ordine è privazione di fine debito

- Sì per accidens: che di un male, per accidens, si segua un bene (argomento per spiegare _ la permissione divida del_ male nel mondo)

- Efficiente: sì, come causa “deficiente” o per accidens

N.B: Il limite non è un male nè causa del male; ma è una sua condizione di possibilità: la libertà umana apre il capitolo del possibile rifiuto a agire secondo natura

6. I trascendentali res e aliquid.
Nozione

“Dicitur enim aliquid quasi aliud quid; unde sicut ens dicitur unum, in quantum est indivisum in se, ita dicitur aliquid, in quantum est ab aliis divisum” (De veritate, q. 1 a.  1).

Originalità di Tommaso di fronte a Aristotele

- Uno non nega la molteplicità ma la divisione

- La nozione di aliquid include (aggiunge) 2/3 negazioni:

- Indiviso come unum

- Diviso dagli altri

- Aliquid e multitudo seguono a unum

- Su vede nei dubbi di Tommaso sul rapporto aristotelico unum_multa.../
1º Il principio di non contraddizione è fondato sulle nozioni di ente e non_ente:

- «primum principium indemonstrabile est quod non est simul affirmare et negare, quod fundatur supra rationem entis et non entis, et super hoc principio omnia alia fundantur» (S. Th. I_II q. 94 a 2).

2º L’unica oposizione contraddittoria è quella tra ente e non_ente; non si tra questo e quello, perche tutte e due coincidono nel avere l’esse

3º La divisione tra questo ente e quello (nella multitudo), richiede la negazione formale (divisio, negata in unum) e la diversità (aliud)

7. Il problema del pulchrum e della sua trascendentalità.

Problematica

- Perché san Tommaso (cuasi) non parla di questo trascendentale?

- La bellezza è questione estetica o metafisica?

- Se la bellezza è legata a la sensibilità e alla materia non sembra un trascendentale

-  Se il bello si converte con ens, che facciamo qui tutti i brutti?  O forse non siamo assolutamente brutti!
Nozione

- Ital. “bello”: latino bellus, de benullus, diminutivo di benus bonus (“bonito”), amabile, delicato.

- Kalós: greci: ordine, simmetria, proportione, ratio

- Aristotele: “Le supreme forme del bello sono: l’ordine, la simmetria e il definito” (Metafisica XIII, 1078b1)

- Plotino: la belleza è lo splendore della idea (Enneada VI)

- Alberto M.: “è lo splendore della forma” (De pulchro et de bono)

- Tommaso:“pulchra dicuntur quae visa placent”: I,q5 a4 ad1

- Kant: ciò che piace in forma disinteresata, necessaria e universale senza rappresentazione di fine: Cr di gi, §§ 5, 9,17, 22

- Hegel (arte): manifestazione sensibile dell’idea
Quale potrebbe essere un riassunto o un valutazione dell’pulchrum?

Il problema specifico è la domanda si è riconducibile al bonum e verum. Sembra, benche non tutti i autori sono d’accordo, che Sto. Tommaso non presenta esplicitamente il pulchrum come trascendentale. Parla piuttosto di “bonum in se, additio relation vero”. C’è certa sopraposizione di due connotazione sia al bonum sia al verum. Bonum include l’appetibilità, mentre il verum l’aspetto intelletivo. Pulchrum è quindi l’intelletivo desiderato: bene appreso piacevolmente come vero.


Tre nozione o caracteristiche essenziali al pulchrum sono: integrità/perfezione, proporzione/armonia, chiarrezza/splendore.
8. I trascendentali, proprietà dell‘ente, ed il Trascendente, Essere sussistente.
La fondazione teologica dei trascendentali solo si da alla fine dell’analisi metafisica

- I primi nomi di Dio sono i trascendentali

- Rapporto dei trascendentali a Dio

- Due vie di risoluzione legate dalla causalità

- Due diverse communanza:

- communitas universalis: per predicazione

- commune per modum causae: Dio

- Due modi di essere senza additione (cf. .../)

- L’esse commune  esse divinum: “Id quod commune est vel universale sine additione esse non potest, sed sine additione consideratur: non enim animal potest esse absque rationali differentia, quamvis absque his differentiis cogitetur. Licet etiam cogitetur universale absque additione, non tamen absque receptibilitate additionis: nam si animali nulla differentia addi posset, genus non esset; et similiter est de omnibus aliis nominibus. .../ [Esse divinum è uno] Divinum autem esse est absque additione non solum in cogitatione, sed etiam in rerum natura: nec solum absque additione, sed etiam absque receptibilitate additionis. Unde ex hoc ipso quod additionem, non recipit nec recipere potest, magis concludi potest quod deus non sit esse commune, sed proprium: etiam ex hoc ipso suum esse ab omnibus aliis distinguitur quod nihil ei addi potest. Unde Commentator in libro De causis dicit quod causa prima ex ipsa puritate suae bonitatis ab aliis distinguitur et quodammodo individuatur» (CG I, c. 26 n. 11)

 

“Se un teologo può seriamente esistere solo se è anche, e prima, filosofo e si è immerso —anche precisamente con la luce della rivelazione— nelle misteriose strutture dell'essere creato..., questo teologo_filosofo si meraviglierà in misura crescente di quanto siano complesse le strutture dei trascendentali per l'essere contingente” (H. U. von Balthasar, Teologica I: Verità nel mondo,Jaca Book, Milano, 1989. p. 14.)

“Ho cercato di costruire una filosofia e teologia sulla base della analogia, non di un essere astratto, ma del essere come si trova concretamente nei suoi attributi (non categoriali, ma trascendentali) e poiché i trascencentali attraversano tutto l’essere, devono essere interni l’uno l’altro. Ciò che è veramente vero è in verità buono, bello e uno. Appare un ente, c’è una epifania, è bello. Con l’apparire si dona: è buono.  Donandosi si dice, si svela, è vero” (H. U. von Balthasar, La muerte del gran Teólogo: El  último escrito. Balthasar, mi Pensamiento, en Communio, Chile, nº18_1989, pp. 5_6).
RECORRIDO HISTÓRICO DEL DESARROLLO DE LOS TRASCENDENTALES
1. L‘uno accolito dell‘ente secondo Aristotele.
Metafísica X (1052b)

“Así, pues, Uno tiene todos estos sentidos: lo continuo por 35 naturaleza y lo que es un todo, el singular y el universal; y todo esto es «uno» por ser indivisible unas veces su movimiento, (1052b) otras su intelección o su enunciado.”

Y más adelantes dice: “Esto mismo se aplica a la causa y al Uno y a todas las cosas semejantes; por eso el ser del Uno es el ser de lo indivisible, el ser precisamente esto y separado en particular, o en cuanto al lugar o en cuanto a la especie o en cuanto al pensamiento, o también el ser un todo e indivisible, y, sobre todo, el ser la medida primera de cada género y, principalmente, de la cantidad; pues de aquí ha pasado a las demás 20 cosas.”

Para Aristóteles entonces si se habla del uno, se habla del ser del uno como indivisible. Supera entonces la concepción subsistente del Uno (y análogamente de las demás características más universales de la realidad), que era fundamento de la filosofía de Platón. En Platón son las características de la realidad las que subsisten y tiene todo el peso ontológico, y se participan como “ingredientes” para formar una realidad material sensible, que siempre es menos real que su participado ideal. En Aristóteles con la concepción del uno se percibe el gran cambio en la filosofía, donde la sustancia es lo que en sí tiene toda la fuerza ontológica de la realidad, subsiste en sí, y a partir de este núcleo da fundamento a los transcendentales.


Hay otro acercamiento más bien lógico en Aristóteles, cuando habla en el libro Peri Hermeneias de los nombres infinitos del ente: ens, unum, aliquid y res. Queda evidente que en sus análisis metafísicos la prioridad la pone sobre el unum, ya que es el trascendental que más refleja la inquietud de Aristóteles de salvar la realidad concreta de la substancia.
2. Cenni allo sviluppo della dottrina sui trascendentali fra 1200 e 1250 (Filippo il Cancelliere, Alessandro di Hales).
Con Filippo il Cancelliere si trova il primo svilluppo esplicito degli trascendentali. É risposta alla concezione maneista della dualità della realtà. L’esistenza non è buona in se, me divisa fortemente fra una realtà buona in se, ed altra cattiva intrisecamente. Si capisce così che negli autori di questo tempo il accento si pone sulla dimensione transcendentale del bene. L’ente è buono in quanto esse. La malizia sempre è da trovare a diverso livello, ma di nessuna maniera al livello dell’esse stesso.
3. Il contesto e l‘impostazione teologica dei trascendentali nelle opere di san Tommaso d‘Aquino.

Sto. Tommaso prende di tre fonti principali su dottrina dei trascendentali: prima fonte sono i autori di stampo neoplatonici, e doppo Aristotele, principalmente il libro Peri Hermeneias ma anche su dottrina sull’unum.


4. L‘ente scotistico e le sue tre passiones convertibiles, l‘uno, il vero ed il bene.

Quale è il nocciolo della dottrina scotistica sulle trascendentali? La distinctio formalis: la distinzione formale attribuisce ad una caracteristica (predicato nell’ambito logico) necessaria ma non essenziale (in quale) di una sostanza (soggetto nell’ambito logico), un’esistenza nella realtà come appunto distinzione formale. Che significa questo in comparazione alla dottrina tomista.


Nel tomismo il trascendentale è una aggiunta di raggione, sia di relazione o negazion, con fondamento nella realtà. Ha quindi una prevalenza “quoad nos”, e non in se. L’esse e l’uno in sè sono identico, “convertibilis”, ma quoad nos sono diverse in quanto aggiungono la nozione di relazione o negazione. Il trascendentale di Scotto, unum, verum, bonum, lasciano una traccia reale come distinzioni nell’ente stesso. L’esse ha delle distinzioni in se, benche formali, me essenziali ed non soltanto quoad nos.
5. Il trascendentale kantiano come condizione di possibilità dello «Io penso» in generale.
Kant fa un capovolgimento completo del trascendentale. Da trascendentale come modus generalis entis, quindi derivato direttamente dall’essere, Kant definisce il trascendentale come condizione di possibilità del nostro pensiero. E questo ai tre livelli conosciute della critica della ragione pura di Kant: estetica (spazio/tempo), ligica (12 categorie), dialettica (Dio, anima, mondo).

Il trascendentale quindi è l’insieme dei condizioni che trascendono, quindi sono universali/puri, il concreto (sia il noumeno, sia anche la soggetività empirica) e fondano la possibilità di conoscere (nell’ambito di spazion/tempo e nelle 12 categorie) o pensare soltanto (nell’ambito della dialettica trascendentale come inclinazione necessaria ma non possibile del uomo).


6. Il tentativo di fusione fra trascendentale tomistico e trascendentale kantiano nel ―tomismo trascendentale.
Il tomismo trascendentale, come Lotz, Rahner,... fanno il intento di collegare le due orrizonti trascedentali sia del tomismo che di Kant. Nel tomismo tradizionale abbiamo una identità di estensione nell’essere e nei trascendentali, benche la comprensione da sfumature diverse alla stessa cosa. Importante è staccare che i trascendentali sono fondato sul livello dell’essere dunque della realtà. In Kant lo che trascende no è l’aspetto universale dell’essere, ma i fili comuni di tutta la conoscienza umana.
Il tomismo fa la fusione: l’orrizzonte dell’essere è dunque identico allo orrizzonte trascendentale di conoscienza. Non è il processo di astrazione dai dati sensivi che ci abre l’accesso all’essere attraverso l’accidente per se secondo, ma la copola “è” del nostro giudizio sia sintetico, sia analitico, gia ci connetta con l’orrizzonte reale dell’essere.


1 J.A. Aertsen, Medieval Philosophy & the Transcendentals, The Case of Thomas Aquinas, E.J. Brill, Leiden 1996 p.73. Aertsen considera este texto como el principal en lo referente a la doctrina tomista de los trascendentales y quizá como el más denso de toda la historia del pensamiento occidental.

2 A este texto se le podrían añadir el De Veritate q.21 a.1 co., y In Sent., d. 8 q.2 a.1 co et ad 3., que son los tres textos más emblemáticos para el estudio de los trascendentales.


Compartir con tus amigos:


La base de datos está protegida por derechos de autor ©psicolog.org 2017
enviar mensaje

enter | registro
    Página principal


subir archivos